Conclusione


Tutti questi discorsi che avete sentito, forse più con pazienza che con ammirazione, erano nella mente e nel cuore di Duns Scoto la chiamata urgente di un amore infinito che nell'oscurità del mistero diventa più desiderabile. Scoto accetta con la fede e, pregando, intuisce l'Eucaristia completando la grandiosità definitiva del disegno del Padre di mostrar nel creato la meraviglia del suo amore. Era l'incarico della Trinità a Cristo Verbo incarnato. Voluto come centro assoluto di tutta la creazione fece visibile l'amore di Dio con la donazione di se stesso con amore casto e purissimo nell'umiltà della croce. Ma l'amore domanda vicinanza, è per questo che l'umiltà della croce acquista un modo nuovo per non allontanarsi dei suoi amici pellegrini sulla terra. E continua donandosi nell'umiltà dell'Eucaristia con una attrazione di amore che ci congrega per formare il suo corpo mistico che è la Chiesa, che siamo noi.bbe essere un vaticinio della teoria della relatività di Einstein.

Cerca nel sito