Studi a Oxford

 

Possiamo ipotizzare che la formazione del giovane scolastico scozzese si sia svolta in Inghilterra, ad Oxford, dove i Francescani avevano uno dei loro maggiori centri di studio e dove Scoto commenterà per la prima volta le Sentenze di Pietro Lombardo.

Ad Oxford chi apparteneva ad un Ordine religioso, per poter pubblicamente commentare le Sentenze del Lombardo, doveva aver prima completato il curriculum degli studi filosofici (la facoltà delle “arti” era considerata propedeutica allo studio delle discipline superiori – teologia, diritto e medicina – e prevedeva soprattutto lo studio dei testi di Aristotele, Boezio e Porfirio), cui seguivano anni di studio specificatamente dedicati alla teologia.

È probabile, quindi, che Scoto abbia iniziato il suo iter di studi teologici intorno al 1288 e che, dopo la metà degli anni ’90, abbia iniziato la sua quadriennale carriera come baccalaureus: il primo anno era dedicato alla preparazione delle lezioni sulle Sentenze, si diventava quindi baccalaureus sententiarius e, l’anno successivo, baccalaureus biblicus, tenendo lezioni sui testi biblici, per finire come baccalaureus formatus, cioè affiancando il Magister nelle dispute pubbliche.

E' una nota contenuta nel manoscritto Q 99 della Biblioteca della Cattedrale di Worcester, che ci conferma che Scoto intervenne in una di queste dispute, tenuta ad Oxford alla fine del mese di luglio del 1300 dal Maestro Filippo di Bridlington. In quell'anno Scoto doveva, perciò, essere al termine del suo percorso di studio e ricoprire l’ufficio di baccalaureus formatus.

Probabilmente per le sue brillanti doti speculative l’anno successivo Scoto fu trasferito da Oxford a Parigi con la prospettiva di fargli occupare la più prestigiosa delle Cattedre di Teologia dei Francescani. Sulla sua presenza nella più rinomata Università del tempo abbiamo la preziosa testimonianza del manoscritto 69, ancora della Biblioteca della Cattedrale di Worcester, scritto pochi anni dopo la morte di Scoto, in cui il copista al termine del Commento al Primo libro alle Sentenze, annota: “Terminano le questioni sul Primo libro delle Sentenze, tenute da Giovanni Duns Scoto dell’Ordine dei Frati Minori a Parigi nell’anno del Signore 1302 e all’inizio del 1303”.

Cerca nel sito

Work in progress

 

Pubblicazioni della Commissione